INTERPORTO “ALPE ADRIA” DI CERVIGNANO: UNA STRUTTURA A SERVIZIO DELL’EUROPA.

L’Interporto “Alpe Adria” di Cervignano del Friuli si prefigge di costituire il fulcro regionale della intermodalità non solo del Friuli Venezia Giulia, diventando un punto di riferimento per il traffico delle merci nel Nord – Est italiano ed un centro nevralgico di collegamento tra la Penisola e i Paesi dell’Europa orientale.

La struttura, affiancata all’importante ed attiguo Scalo di smistamento merci delle Ferrovie dello Stato, è nata all’inizio degli anni ’90 ed è stata realizzata nel corso del decennio con il completamento dei primi due lotti dei lavori avvenuto nella primavera del 1998, divenendo quindi concretamente operativa dal 1° febbraio 2000.

Tra i soci della Gestione Interporto Cervignano S.r.l. – che ha la sua sede legale a Trieste, in via Lazzaretto Vecchio n.26 e che ha un capitale sociale di 850 milioni – figurano: Autovie servizi S.p.a. ( con 400 milioni di quota), nonché con quote di 50 milioni a testa: l’Interporto “Alpe Adria” S.p.a. (Cevignano del Friuli), Automarocchi S.p.a. (Trieste), Car – Express S.a.s. (San Giovanni al Natisone), East Rail S.r.l. (Trieste), Movimentazione ferroviaria S.p.a. (Udine) Gianesini Erminio S.r.l. (Gorizia), Giosualdo Quaini (Terz di Aquileia), Sotraco S.p.a. (Fagagna) e Cemat S.p.a. (Roma).

L’Interporto Alpe Adria Spa – con sede operativa a Cervignano del Friuli, in via Venezia n.22 e con sede legale a Trieste – ha un capitale sociale di 2.450.000.000, di cui 2 miliardi (pari ad oltre l’80%) sono stati sottoscritti da Autovie Servizi Spa; altri 300 milioni sono stati versati da C.T.F. (Costruzioni Tecniche Ferroviarie) Spa con sede ad Udine (pari al 2%).

A fine ottobre è stata inaugurata una nuova struttura coperta, ubicata nel terminal dell’Interporto. Tale inaugurazione vuol testimoniare la costante crescita della realtà interportuale cervignanese e rappresenta un nuovo traguardo verso uno sviluppo sempre più efficiente e funzionale di una struttura complessa, che già attualmente è capace di integrare al meglio il trasporto merci su rotaia e quello combinato su strada rotaia. Il costo di questa nuova struttura è stato di circa mezzo miliardo, coperto da un contributo concesso dall’Assessorato ai Trasporti della Regione Friuli Venezia Giulia.

Le opere per la realizzazione dell’Interporto di Cervignano del Friuli, già iniziate con i primi due lotti funzionali, si estenderanno ulteriormente e coerentemente nel terzo lotto, il cui inizio dei lavori è previsto per la primavera del 2002.

La realizzazione del terzo lotto – progettato dai tecnici di Terratest S.r.l. di Ronchi dei Legionari – porterà a compimento il piazzale intermodale ed i relativi binari, mentre la costruzione della palazzina uffici fornirà all’area interportuale la prima vera e propria struttura di servizio per gli operatori, sviluppando appunto le aree deputate alle funzioni di servizio e di gestione.

Angelo Sandri è il Presidente della Società di Gestione Interporto Alpe Adria di Cervignano dal febbraio del 1999 e dal febbraio 2001 è anche Presidente della Società Interporto Alpe Adria di Cervignano del Friuli S.p.a.

Nel corso della recente inaugurazione Sandri ha voluto presentare e ringraziare coloro che hanno collaborato alla realizzazione di questo nuovo traguardo e che attualmente operano nell’ambito della sede operativa di Cervignano del Friuli o della sede legale di Trieste.

Tra di essi il Direttore Amministrativo della Società di Gestione Interporto Cervignano e della Società Interporto Alpe Adria di Cervignano S.p.a. dott. Aldo Scagnol, gli amministratori delegati della Gestione Interporto Michele Bressan e Francesco Prioglio e tutti i membri del Consiglio di amministrazione dell’Interporto Alpe Adria S.p.a.: il Vicepresidente Adalberto Donaggio, Sebastiano Cacciaguerra, Dario Canesin, Gerardo Ciriani, Giorgio Maranzana, Maurizio Maresca, Giovanni Pelizzo, Roberto Roncoli, Emilio Sgarlata e Luciano Zanotto.

L’Interporto di Cervignano si avvale inoltre della collaborazione di Trenitalia S.p.a. ( Divisione Cargo, Servizio Commerciale ed Intermodalità Nord Est ) e di numerose e importanti aziende che operano direttamente con l’Interporto “Alpe Adria”.

Citiamo tra di esse AUTAMAROCCHI Spa di Trieste (trasporto stradale e di terminalizzazione containers); ASTI SPED Srl di Gorizia (trasporti internazionali, servizi doganali e agenzia marittima); CAR EXPRESS Srl di San Giovanni al Natisone (servizi di trasporto ferroviario); C.A.A.U. di Udine (consorzio di autotrasporto); CEMAT Spa di Roma (che si occupa di servizi di trasporto combinato); C.T.F. AUSSA CORNO di San Giorgio di Nogaro (consorzio di autotrasporto); EAST RAIL Srl di Trieste (servizi di trasporto e logistica); EAST SERVICE di Gorizia (che svolge servizi di trasporto ed intermodalità); EUROFER di venezia (trasporti ferroviari); FRIULGIULIACIEST di Trieste (consorzio di sviluppo scambi con l’estero); FRIULTRANS Spa di San Giorgio di Nogaro (casa di spedizioni e agenzia marittima); GEST SERVIZI di Gorizia (servizi commerciali e di marketing); IDEALOGISTICA Srl di Cervignano del Friuli (servizi di logistica integrata); NEW.CO. Srl di Tricesimo (servizi di trazione ferroviaria e logistica integrata); POL-RAIL Srl di Udine (servizi di trasporto ferroviario); P.R.C. TRASPORTI Srl di Padova (servizi di trasporto stradale e combinato); PROTEL Srl di Udine (servizi di consulenza finanziaria); QUAINI GIASUALDO di Terzo di Aquileia (servizi di autotrasporto); ROITZ Srl di Gorizia (casa di spedizioni); SOCIETA’ ALPE ADRIA Spa di Trieste (servizi di logistica ed intermodali); WINKLER Spa di Gorizia (servizi di trasporto ed intermodalità).

A tutti è stato rivolto un sentito ringraziamento per la preziosa collaborazione, nonché l’augurio di buon lavoro per gli appuntamenti, le sfide ed i progetti futuri di sviluppo e ampliamento che coinvolgeranno ancora l’Interporto, proiettandolo dai confini dell’Italia al centro dell’Europa.

Martina Delpiccolo