A CONFRONTO SULL’EURO
Convegno organizzato dall’interporto “Alpe Adria” in collaborazione con la C.R.U.P.

Si è svolto a Cervignano del Friuli un convegno di studi sul tema: “Euro - le conseguenze con l’introduzione della moneta unica” organizzato dall’Interporto “Alpe Adria” di Cervignano, con la collaborazione della Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone S.p.a. Il convegno coordinato dal dott. Sergio Simonin di Latisana, ha avuto luogo presso la sala riunioni dell’Hotel “Forum Julii”, sito a Strassoldo, località del Comune di Cervignano del Friuli.

All’incontro hanno preso parte numerosi autotrasportatori ed operatori dei servizi portuali ed interportuali della Bassa Friulana,oltre ad altri operatori economici della zona.

La riunione si è aperta con l’intervento del Presidente dell’Interporto “Alpe Adria” di Cervignano Angelo Sandri, che ha colto l’occasione per un breve excursus sull’attività dell’Interporto di Cervignano e sugli importanti sviluppi che la struttura avrà nei prossimi mesi.

Dopo il saluto del Direttore commerciale della CRUP s.p.a. rag. Angelo Gasparet, il dott. Roberto Bono di Serenissima Infracom ha inaugurato le relazioni sul tema illustrando le conseguenze dell’introduzione dell’Euro. Bono ha sottolineato le paure ingiustificate e così diffuse tra i cittadini a causa di una mancata informazione.

Il 1° gennaio 2002 l’Euro comincerà a circolare nei paesi appartenenti ad Eurolandia, per cui persone, aziende ed enti si troveranno e a fare i conti con la nuova moneta e i relativi problemi.

E’ importante allora prepararsi all’evento sfruttando questa ultima fase del “periodo transitorio”, iniziato il 1° gennaio 1999, per vivere al meglio questa conversione . Sono seguite le relazioni di Maurizio Coseani, che ha presentato un quadro generale dell’attuale sistema economico mondiale, e di Mario Bianchi Dissette, della CRUP S.p.a., che ha approfondito il tema delle nuove opportunità e dei nuovi strumenti di investimento finanziario esistenti sul mercato.

Infine Andrea Sgobbi, funzionario CRUP di Udine, si è soffermato sui finanziamenti e sulle agevolazioni specifiche esistenti per il settore dei trasporti.

Nel corso del convegno, più volte è stato sottolineato che l’introduzione della moneta unica non rappresenta solo una conversione, un passaggio contabile o monetario, ma un vero e proprio passaggio storico.

Martina Delpiccolo